Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/253

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PER LA SCRITTURA FATTA AL CAZZO.


SONETTO


Hò fatto col mio Cazzo 'na scrittura
    In tempo della mia più verde età,
    In dove, che co lù me so' impegnà
    4De chiavar fin, che vago in sepoltura;

Vorrìa sta condizion, che me par dura,
    Tagiar per capo de necessità,
    Perchè mi allora a dirvela hò stimà,
    8Che la mia robba stasse sempre dura.

Al contrario de chi fà voti al Cielo
    De castità, ch'i crede, che tirar
    11Da quel dì no ghe possa più l'Oselo.

Una permuta almanco vorrìa far,
    Perchè se veda, che son sempre quelo,
    14D'andar in bocca invece de chiavar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/253&oldid=60260"