Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/238

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Amigo caro, no se cogionemo,
    El lodar, che vù fè la mia poesìa,
    El xe un atto de pura cortesìa,
    4Nè corre dir, che zà se conoscemo.

Gò paura, che poco onor se femo
    A sostentar sta gran buzararìa,
    Questa la xe in Parnasso un'eresìa
    8De farse cogionar, se la disemo.

Le Muse le xe putte belle, e bone,
    E vù savè, che da cortesanazzo
    11Mi le tratto da brutte buzarone;

Chi vuol, che la poesìa daga del spazzo,
    Bisogna nominar Teti, e Amfione,
    14E mi fazzo parlar la Mona, e 'l Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/238&oldid=60735"