Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/235

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL PREDETTO ABATE FRUGONI.


SONETTO


Nù, amigo, semo do, che componemo
    In versi per dar gusto ai nostri amici,
    Passemo in sta maniera i dì felici,
    4Perchè col verseggiar sempre cantemo.

Per una stessa strada tutti andemo,
    Ma co sta differenza, che vù i rici
    Ghe fè ai vostri poetici caprici,
    8E mi li scrivo, come che parlemo.

La vostra Musa xe 'na Zentildona,
    La mia xe 'na Donnazza Veneziana,
    11Che parla schietto, e và vestìa alla bona.

Ghe vuol de tutto per la vita umana,
    Xe necessario, è vero, la matrona,
    14Ma ghe vuol qualche volta la puttana.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/235&oldid=60732"