Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/209

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SORA LA MODA DELLE MULETTE.


SONETTO


Che Diavolo de moda xe mai questa
    D'andar colle mulette per la strada,
    Care Donne, chi mai v'hà messo in testa
    4Sta buzara solenne, e sta cagada?

Mi, cosa la me par assae molesta,
    E con schietto parlar una Monada;
    Tutti ve varda, ride, e stupij resta,
    8Che'l decoro da banda se ne vada.

Cosa credeu de far colle mulette?
    Tirarve forse dei cogioni drio,
    11Ch'i ve onora de sotto le carpette?

Ghe ne sarà de quei; mi nò, per Dìo,
    Che me piase bon Cul, e bone Tette,
    14E un piè con bon scarpin, ch'abbia del brìo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/209&oldid=60713"