Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/187

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Chi dise, che xe scritto per dies'ani,
    Chi per do, chi per cinque, e chi per mesi,
    Possibile, che tutti sia scortesi,
    4Nè ghe sìa chi me cava de sti affani!

Ghè chi dise; in sta Banca i xe più umani,
    I lo solleverà da tanti pesi,
    I Correttori i xe tuti cortesi,
    8I vorrà risarcirlo dai so dani.

Altri dise; credelo, me dà 'l cuor,
    Che 'l Tribunal lo chiamerà de quà;
    11E chi; intrometerà un Avogador.

Tuti in summa, che presto 'l vegnirà,
    E che 'l sarà rimesso nel so onor,
    14Ma infrattanto 'l mio ben a morte và.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/187&oldid=60693"