Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/184

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL QUERINI RELEGÀ IN T'UN CASTELLO.


SONETTO


Querini, della to sortaerrata corrige originale tirana
    No te lagnar; pensa, che cazzà fuora
    Xe stà Camillo, e Ciceron ancora
    4Da quella gran Republica Romana.

A ste vicende la virtù più sana
    Xè stà sempre soggetta, e giust'allora,
    Che sè più in alto, e che più ognun v'adora,
    8L'invidia ve precipita, e ve scana.

S'hà visto questo in tanti gran paesi,
    Temistocle, e Milziade, poverazzi,
    11I xe stai relegai dai Ateniesi.

Nò tanto col destin de sti gramazzi,
    Ma consoleve in questo, che sti pesi
    14No i suol vegnir addosso ai visdecazzi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/184&oldid=60690"