Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/185

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Quel grand'Omo, quel spirito elevato,
    Quel genio cussì puro, e cussì belo
    El xe messo, e serrà drento un Castelo,
    4Nè gnessun puol saver più del so stato.

Ma potenza de Dio! Coss'halo fato,
    Ch'i l'hà trattà cussì, com'un ribelo?
    No i puol tocarlo in tel onor d'un pelo,
    8Che l'Omo no ghe giera più onorato.

I gà tiolto col metterlo là drento
    E fama, e libertà; cossa de più
    11Ghe podeveli tior in t'un momento?

Ma i fazza pur quello, ch'i vuol de lù,
    Ch'i lo fazza morir anca de stento,
    14Ma mai no i ghe tiorrà la so vertù.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/185&oldid=60691"