Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/153

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LAMENTO DELL'AUTOR A CUPIDO.


SONETTO


Credeva, Amor, che avessimo fenìo,
    Ti le saette, e mi de tormentar,
    Ma cosa xe st'imbrogio, poffardìo!
    4Che tornemo da capo a scomenzar.

Se penso a un tempo, e che me volta in drìo,
    No me posso pò gnanca lamentar,
    Qualche volta crudel, e qualche pìo,
    8E goder ti m'hà fatto, e spasemar;

Ma adesso, Cazzo, la và molto mal,
    Ti me fà innamorar senza speranza;
    11Me desbattizzo, e gnente no me val.

Usa, te prego, un poca de creanza,
    O troveme 'l remedio natural,
    14O no me bisegar sotto la panza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/153&oldid=60673"