Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/150

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NUOVO INNAMORAMENTO DELL'AUTORE.


SONETTO


Cosa xe mai sta buzara, che sento,
    Che me và bisegando intorno al cuor,
    Sarìalo mai quel buzaron d'amor?
    4Per Dìo, me par, che'l sia de quel tormento.

Come mai halo fatto a vegnir drento?
    El me l'hà fatta ben da traditor;
    Adesso stago fresco, come un fior,
    8Meggio sarave aver un scolamento.

De quello almanco poderìa varir,
    Ma de questo per quanto sò pensar
    11No trovo altro rimedio, che morir.

Ghe sarave el rimedio col chiavar,
    E chiavar quella, che me fà languir,
    14Ma sta buzara ancuò no se puol far.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/150&oldid=60670"