Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/151

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO SOGGETTO.


SONETTO


M'hà parso ben de far al mio servizio
    L'altro dì 'na fraterna correzion,
    Pregandolo a man zonte, e in zenocchion
    4A emendarse 'na volta, e far giudizio.

Fradel, mi ghe disea: sappi, che 'l vizio
    E snerva, e guasta la complession,
    Modera per pietà la to passion,
    8Ch'ogni stocco per tì xe un pregiudizio;

E in fatti me parea, che 'l dasse mente,
    Ma el Diavolo xe stà, che giusto in quello
    11Certa ragazza se m'hà fatto arrente;

E xe stà tanto pronto el trabuchello,
    Che semo a tombolon miseramente
    14Andai zò quanto mi, quanto l'Osello.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/151&oldid=60671"