Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/64

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



La regata xe una cossa
   De natura so assae bella,
   Sempre è megio far qual cosa,
   48Che butarla in Callesella.

Tanto più quando se vede,
   Che sto Duca ghe n'hà vogia:
   Che lù stà quà sù sta fede,
   52Che per questo nol se annogia;

Se de tori in te la piazza
   I gà fato quela festa,
   Per dar spasso a la plebazza,
   56No i farà per lù pò questa?

Questa quà, che 'l puol zirar,
   Come ho dito, tuto l' Mondo,
   Mai, nè mai el puol trovar
   60Un piaser el più giocondo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/64&oldid=64625"