Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



No vorrìa per tutto l'oro
    Fuora andasse sti sentori;
    Perchè certo el so decoro
    32Perderave sti Signori.

Mi consegio chi hà l'onor
    Sto Gran Duca de servir,
    Ch'i altri staga nel so error,
    36Ma de lori no far dir,

Perchè 'l Mondo, se no fallo,
    Dirà, questo xe un pretesto
    Per cavarse da sto ballo,
    40E no far, che vada 'l resto.

Se fà veder, che se fà
    Tutto quello, che se puol,
    Che se i altri no ghe stà
    44La so testa no ghe diol.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/63&oldid=64624"