Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLE MEDESIME.


SONETTO


Zonto a Venezia el Duca, tutte quante
    Ste Dame le s'hà messo in allegrìa,
    E per più comparir le hà tratto vìa
    4Delle lire Sterline tante, e tante.

Le gà studià dal cao fin alle piante
    D'abbellirse con pompa, e bizzarìa
    Per scaldarghe cussì la fantasìa,
    8E vederlo ai so piè tutto cascante.

Curiosa la Città chì fusse quella
    Frà quelle, che compone 'l Concistoro;
    11Che a sto Eroe ghe paresse la più bella,

L'hà visto alfin in tel zirar del coro
    Delle Deità, qual Venere novella,
    14E 'l gà dà alla Zaguri el pomo d'oro.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/50&oldid=60601"