Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLE DAME VENEZIANE.


SONETTO


Tutte ste nostre Dame, che gà brìo;
    Zoventù co bellezza, e portazion,
    Le Osella 'l Duca in publico, e in scondon
    4Per mostrarghe la Mona, e 'l so da drìo.

Le tenta de svegiarghe el gran pìo pìo
    D'una dolce, e lasciva congiunzion,
    Perchè l'è un Duca valoroso, e bon;
    8Che suol aver semper l'Osello in nìo.

Per tutto le lo cerca, e le lo adora,
    Come famosa Altezza celebrada,
    11E perchè dei brillanti el butta fuora.

Come l'altre, sta Donna imbrillantada
    Compatisso, che mi, che so' in malora;
    14Tiorave una brillante buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/49&oldid=60599"