Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Quando, che della Baffa i tradimenti
    Hà penetrà el Sultan, no ghè stà caso,
    Che 'l voggia mai più andar in tel so vaso,
    4Siben, che 'l gà provà dei gran contenti.

Per quanto l'abbia usà d'allettamenti,
    Nol s'hà più in gnessun tempo persuaso,
    L'hà scomenzà alle Schiave a dar de naso,
    8E i primi l'hà lassà so godimenti.

Per veder, se i strighezzi fà el so effetto;
    El s'hà messo a chiavar da desperà,
    11E mi credo per farghe anca despetto.

Alfin dal gran chiavar el s'hà ammalà,
    E per provar, se 'l Cazzo ghe stà dretto,
    El xe andà tanto drìo, che l'è crepà,
                    15Ella sempre hà regnà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/43&oldid=60594"