Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/288

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ESSENDO PROSSIMO L'ANNO SANTO.


SONETTO


Donne, zà l'anno santo xe visin,
    Serrè bottega, e fè la penitenza,
    Perchè, per Dìo, che la sarìa insolenza,
    4Se no finzessi almanco un pochettin;

Al moroso no fè più de penin,
    No ve fè più chiavar, abbiè pazienza,
    Ascoltè quei rimorsi de conscienza,
    8Che ve và pizzegando el coresin.

Se la ve tira, deve una menada,
    E soffrì tutto per l'amor dei Santi;
    11Zà no la dura troppo sta seccada;

Che se pò no podè tirar avanti,
    Feve dar, se volè 'na buzarada,
    14Ma no ve fessi mai chiavar davanti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/288&oldid=60573"