Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/287

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELLO STESSO AL CONFESSORE.


SONETTO


Pian, pian, o Padre, un pò de discrezion,
    No sò, se la moral Teologìa
    Condanna un Uom, che pecca in sodomìa,
    4A farse l'aguzin sora 'l groppon.

Mi, che nol fazzo mo per proffession,
    Ma buzaro un tantin per bizzarìa,
    Sol per mostrar la vena in poesìa,
    8E pò per no far torto alla nazion;

E per sta bagattella ad un par mìo
    Dir, che me frusta! oh Cazzo, che conscienza!
    11Credo, che la cogiona, sì per Dìo!

Per buzarar un Cul sta penitenza!
    Certo no lo farìa, co è vero Dìo,
    14Se 'l Cul rompesse a vostra riverenza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/287&oldid=60572"