Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/24

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


ROMPE 'L CULO A 'NA DONNA.


SONETTO


Al mio casin son stà con una Dona,
    E m’hò per quantum possum divertìo,
    In primis, et ante omnia el fatto mìo
    4Ho fatto, idest, mi ghe l'hò messo in Mona.

Dopo, che hò ben chiavà sta buzarona,
    Me son provà per romperghe el da drìo,
    Ma, come el giera troppo ben cusìo,
    8Me son messo a chiavarla alla Schiavona.

Per un pochetto no gò fatto chiasso,
    Ma, dopo aver dà fondo a più d'un gotto,
    11Son tornà colla Donna a tiorme spasso,

Ghe son andà de sora, ora de sotto,
    Pò l'hò voltada colla Testa abbasso,
    14Nè la gò fenia ben, che 'l Cul gò rotto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/24&oldid=60531"