Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/239

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


SONETTO


Oè, veder mi me par el Giustinian
    Aver colle Cappelle da quà avanti,
    E coi capelli, dei disturbi tanti,
    4Che seccarave ogni fedel Cristian,

Passar in mezzo al Popolo Roman,
    Ch'adora i Ambasciadori più dei Santi,
    E che quelle Romane senza guanti
    8Per ambizion le ghe lo tioga in man.

De sentir, el ghe diga, pò me par,
    Che le puol far con lù dei scappuzzoni,
    11Che lù no le puol più certo ingraviar,

Perchè quei tanti gran complimentoni,
    Che ghè stà fatto, e che l'hà bù da far,
    14Gà seccà tutto 'l sugo dei cogioni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/239&oldid=60530"