Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


L'AUTORE VORRIA ESSER TUTTO CAZZO.


SONETTO


Amici, son in Mona. Oh che gran gusto!
    E son in mona della mia diletta,
    Ora ghe tocco 'l Cul, ora una Tetta;
    4E in questo posso dir, che gò 'l mio giusto.

La s'hà mollà le cottole, e anca 'l busto
    Acciò, che con più comodo ghe 'l metta;
    In bocca la m'hà dà la so lenguetta,
    8E la me trà ogni tanto qualche susto.

Mi me la godo fuora de misura,
    E aver vorrìa l'osello longo un brazzo
    11Per furegarghe ben in la Natura.

Ah! Che per far più grando el mio solazzo,
    E per darghe più gusto a sta creatura,
    14Esser vorrìa in sto punto tutto Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/22&oldid=60510"