Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/200

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ma quel, che pò de pezzo nascerìa,
    Ch'anca alle putte i ghe la romperìa,
                        108E poche ghe sarìa,

Che podesse salvar la mezza luna,
    Che questa la sarave una fortuna;
                        111Ma credo, che gnessuna

Poderìa mai goder sto benefizio,
    Perchè zà a tutte i ghe farìa 'l servizio.
                        114L'Omo, co l'hà sto vizio,

Se 'l crede de chiavar anca 'na vacca,
    Per Dìo, che tanto, e tanto lù se tacca
                        117Infina, che 'l se stracca.

La puttana xe all'Omo un gran conforto,
    E se questa mancasse el sarìa morto.
                        120Questo, ch'è quà, xe 'l porto,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/200&oldid=64578"