Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


NIOVO GUSTO SUGGERIO ALL'AUTORE.


SONETTO


I gusti del sborar, Missier Andrea,
    Xe molti, e tutti quanti bei, e boni,
    Ma quel, che avè trovà de vostra idea,
    4Farave andar in bruò anca i cogioni.

Buzaronazza! Aver la putta a mea,
    Che 'l Cazzo tioga sù sin ai cogioni,
    E con un deo menarghe la morea,
    8A dirvela, i xe gusti buzaroni.

Darghelo in man, puzarghelo sù i ori,
    Col barbuzzo in le Tette, e 'l Culo in cere,
    11E dirghe, vita mia, voi, che ti sbori;

Far, che la ve sbocchizza in più maniere;
    Slongarghe de quei basi stoccadori;
    14No avè sto gusto a buzarar massere.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/20&oldid=60496"