Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/197

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



No se puol mai star ben, ne dì, ne notte;
    E solo fà de manco le marmotte,
                        63Che no gà idea de potte,

Ma i Omeni, che pensa, e che gà testa,
    Quando, che i puol chiavar, i fà gran festa;
                        66Se pò dopo ghe resta

Qualche segno ai so Cazzi strepitosi
    No importa, no i farà più i morbinosi,
                        69Nè più tanto i furiosi,

Ma quando, ch'i sarà pò risana
    A cercar delle Donne i anderà
                        72Co più velocità,

E per dar do sborae buzaradone
    Da quelle i anderà, che dà le Mone,
                        75E guai per ste persone,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/197&oldid=64574"