Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/167

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA.


SONETTO


Dopo, che ti gà buo tanto solazzo,
    E che ti me l'hà messo drento in Mona,
    Ti me disi, che son 'na buzarona,
    4E ti gà cuor de far sto sussurazzo?

Carogna buzarona, visdecazzo,
    Ti pensavi trovar una cogiona,
    Che col cazzarme in man una pitona
    8Mi te credesse qualche signorazzo.

Ti vuol vegnir a far el cortesan
    Col dir dago sto traro alla ruffiana;
    11Mi te n'incago della bona man.

Sappi, che no se và da 'na puttana,
    Co no se gà l'idea de portar pan,
    14Perchè no semo quà a spettar la mana.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/167&oldid=60480"