Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/156

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tutto quanto lù suava
    Dal gran gusto, che'l provava;
    Mona cara, quante stente
    160Fà per tì mai tanta zente!

Se podesse mi vorrìa
    Sempre in letto qualche fìa;
    Sarìa questo un gusto bello
    Poder metterghe l'Osello,
    165Pò basar quei mustacchioni,
    Che stà in liogo de cogioni,
    E co 'l Cazzo me tirasse
    Vorrìa in Mona, che l'andasse,
    Vorrìa spenzer da galliotto
    170Finchè avesse svodà 'l gotto,
    E un bel sonno vorrìa far
    Per tornar dopo a chiavar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/156&oldid=64550"