Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/155

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Altre cose sti do amanti
    I s'hà dito in pochi istanti;
    Basta solo, che mi diga,
    Che per fotter sta so amiga
    145Molto assae l'hà consumà,
    Ma 'l la gà pò alfin chiavà.

Caloandro cos'hà fato
    Per aver Clorinda a lato?
    Da ogni parte lù zirava
    150Col so osel, che ghe tirava,
    Per aver la Mona altiera
    Della bella so guerriera;
    Alfin dopo el l'hà trovada,
    E sul letto colegada,
    155Prima basi, e pò chiavae
    Lù ghe dava buzarae.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/155&oldid=64549"