Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/138

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PROPOSIZIONE DELL'AUTORE.


SONETTO


Zà, che 'l vento, e la piova me fà star
    In casa quà soletto, e senza Done,
    Voi scriver biasimando quelle Mone,
    4Che me fa tutto 'l dì l'Osel tirar.

Vaga la noja a farse buzarar,
    E vaga a tiorlo in Cul le buzarone,
    Che per smarzir l'Osello le xe bone,
    8E le mie man mi voggio doperar.

Donca zoso braghesse, e fuora Osello,
    Fuora cogioni, e fuora Culo all'aria,
    11Che menarmelo voi sempre bel bello.

Crederà i cucchi, che lo metta a sguazzo,
    Se i me crede chiettin, per Dìo, i zavaria,
    14No i sà i cogioni, che me meno 'l Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/138&oldid=60470"