Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/98

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ma sappiè, no vado a cazza
    D'una rustega Chiettina,
    Che'l Marìo dal letto scazza
    96Col rosario la mattina.

Mi no voi ste sgraffa santi
    Scrupolose de toccar,
    Che le vuol tastar coi guanti
    100Quel, che zà se puol palpar.

Che per far la congiunzion
    Le gà qualche renitenza
    Fin, che 'l Prete in confession
    104No ghe dà la so licenza.

Col prettesto poverette
    De volerse confessar,
    Tutto'l dì le và dal Prete;
    108Ma le và, Dio sà, a che far.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/98&oldid=64523"