Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/93

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Xe ben vero, che no son,
    Come certi Omeni scaltri,
    D'una certa inclinazion
    16De magnar la robba d'altri;

Ma pò sò, che'l maridarse
    Porta gran necessità
    De dover sempre privarse
    20Della cara libertà,

E de più me fa paura
    Per esempj, e libri letti,
    Che la Donna per natura
    24Xe un composto de diffetti;

E quel passo osservo tanto
    Che co Giobbe è stà tentà,
    I gà tiolto tutto quanto,
    28Ma la Donna i gà lassà.