Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/80

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Queste quà xe giusto fate,
    Come xe tant'altra zente,
    Che a toccarghe le culate
    208No la xe cosa da gnente;

Ma dir Cazzo discorrendo,
    Anca in atto de scherzar,
    L'è un delitto cussì orrendo,
    212Che le fà fina tremar.

Ma pazienza, che le Done
    Voggia far st'affettazion,
    Voggia finzerse santone
    216Col rosario a picolon,

Ma ghe xe anca dei Omeni
    Co sto vizio maledetto,
    Che no i tien per galantomeni
    220Quei, che parla netto, e schietto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/80&oldid=64515"