Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/7

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


L'AUTOR NON VUOL METAFORE


SONETTO


Co me vien un pensier fazzo un Sonetto,
    E 'l fazzo in Venezian, come son nato,
    Siben, che sò, che ghe xe più d'un mato,
    4Che me condanna, perchè parlo schietto;

Ma in tempo d'innocenza el più perfetto,
    Che xe quando, che l'Omo xe stà fato,
    L'Omo, e la Donna giera nui de fato,
    8E questo giera d'innocenza effetto.

Xe vegnù la malizia in campo averto,
    E con ella el rossor, e quei gramazzi
    11Tanto i s'hà vergognà, che i s'hà coverto.

Donca imparè i me cari visdecazzi,
    Ch'anca mi scrivo in tel mio stil scoverto,
    14Come, che hà stampà Dio le Mone, e i Cazzi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/7&oldid=60425"