Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ACCIDENTE FORTUNATO


SONETTO


Son stà in Mona jer sera allegramente
    Coerrata corrige originale una, che mai più l'ho praticada,
    Ma senti l'occasion, come l'è stada,
    4Che no l'aveva gnanca per la mente.

Vedo un muso al balcon mezzo ridente,
    Che me fà d'occhio; Oh! se no fusse in strada,
    Ghe digo, ve darave una chiavada,
    8Ma ghe lo digo appian, che gnessun sente.

Bisogna, che la Mona ghe tirasse,
    La m'hà averto la porta in t'un momento,
    11Nè mi ho aspettà, ch'Ella me invidasse.

Go issà su le carpette, come un vento,
    E per paura, che la me scampasse,
    14Senza spuazza ghe l'ho messo drento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/62&oldid=60419"