Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL MONDO A MODO DELL'AUTORE


SONETTO


Se stasse a mi de fabbricar un Mondo,
    Sentì, come vorrìa, che 'l fusse fato;
    Che 'l caldo fusse sempre moderato,
    4E che la Luna avesse sempre el Tondo.

Senza piova el terren fusse fecondo,
    E dei frutti nascesse ad ogni trato,
    Che stasse el Cielo, e 'l Mar sempre placato,
    8Nè ghe fusse Animal cattivo, o immondo;

Che l'Omo fusse san, ricco, e seguro,
    Che 'l soo gnessun no ghe 'l portasse vìa,
    11Nè i ghe ne dasse un Corno del futuro:

Ma sora ogni altra cosa mi vorrìa,
    Che tutti quanti avesse el Cazzo duro
    14Per fotter sempre, e fotter chi si sìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/41&oldid=70146"