Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/37

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che s'andasse dopo a cena
    A magnar a panza piena,
    E col corpo pien de vin
    Le cantasse mattutin.

        105O Santo Padre nostro Signor,
        Nù ve preghemo con tutto 'l cuor,
        Vegnì sta notte, co semo in cella
        A visitarne colla cappella;
        Vegnì a segnarne cussì bel bello
        110Colla reliquia del vostro Osello;
        Nù ve daremo per obbedienza
        Delle dolcezze la quint'essenza.
        Sarè dispotico de tutte quante
        Le cose nostre più sacrosante,
        115Al vostro Cazzo con gran costanza

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/37&oldid=64495"