Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/302

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


MERCEDE PRETESA DALL'AUTORE


SONETTO


Me lambico el cervello zorno, e notte
    Per far Sonetti grassi, e buttirosi,
    Per divertir le Donne, e i so morosi,
    4Ma mi fazzo i Sonetti, e i altri fotte.

Dei me versi i se val, delle mie botte,
    E con queste i se fà più coraggiosi,
    E, co le sente versi lussuriosi
    8Ste Donne, le và zò, come marmotte.

Mì, se voi Donne, hò da pagar ruffiani,
    E i altri se diverte alle mie spese,
    11Che i me versi ghe serve da mezzani.

Delle Mone, che i fotte in sto paese,
    Almanco come, che se dà ai Piovani,
    14La Decima i me dasse, o 'l mio Quartese.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/302&oldid=60398"