Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/279

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LODA L'ISTÀ


SONETTO


Oh! Caro, oh! bello istà, se mi podesse
    Vorrìa, che ti durassi eternamente,
    Nò per quel, che ti xe, ma solamente,
    4Perchè le Donne và senza braghesse;

Vestìe dal cao al pie, che Dio volesse,
    Che le andasse d'un velo trasparente,
    Che quando, che la passa in frà la zente,
    8La Potta, e'l bus del Cul se ghe vedesse.

Mi no ve digo, che trà tante Done,
    Che tutto zorno passa per la strada,
    11No se vedesse delle brutte Mone;

Ma anca se vederìa qualche buttada
    De cosse, pettenicchj, e culatone,
    14Che al Cazzo farìa dar la gran tirada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/279&oldid=60385"