Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/260

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NIOVO GUSTO DI FOTTERE DELL'AUTORE


SONETTO


Un zorno mi m'hò tiolto un gran spasseto
    Con una Donna, che gavea bel muso,
    Hò bù un gusto da matto, perchè l'uso
    4Mi no gaveva de sto bel zioghetto;

In prima me son messo sora un letto;
    E m'hò desteso con la Panza in suso;
    Hò farto, che la Donna salta suso,
    8E la me vegna addosso a cavalletto;

Dopo m'hò tirà al viso el so Culazzo,
    E, perchè sempre cressa'l gran dei Omenierrata corrige originale,
    11Hò fetto, che la tioga in bocca el Cazzo;

Se del ziogo volè saver i termini,
    In do parole el quadro mi ve fazzo,
    14La figura vardè del Sol in Gemini.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/260&oldid=65525"