Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/261

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VALOR D'UN CULO TONDO.


SONETTO


Frà le fortune, che ghe xe a sto Mondo,
    La più bella fortuna a mi me par,
    Che la sìa quella, co se puol trovar
    4Una Donna, che gabbia el Culo tondo.

Un Culo, che sia fatto a Mappamondo,
    El val tanto oro, che se puol pagar,
    E quando, che 'l se possa buzarar,
    8El xe un Paese, che no ghe 'l secondo.

Là xe, dove và al fresco i Porporati,
    Dove i mette el so ben, e la so cura;
    11E se no fusse 'l Culo grami i Frati;

Un Culo de sta sferica figura
    Mi lo buzararave a tutti i pati,
    14S'anca me fasse'l Diavolo paura.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/261&oldid=60376"