Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/251

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA DELL'AUTORE


SONETTO


No sò, chi s'abbia tiolto mai la briga
    De risponder al bando dell'Onor,
    Bisogna el gabbia fatto un gran dolor,
    4Quando, che come un Aseno lù ciga.

El par, che'l gabbia rotto la vessiga,
    E gabbia fatto andar l'angossa al cuor,
    Oppur, come che'l senta gran brusor,
    8Mi gabbia sul so Cul messo un'ortiga.

Che 'l se lamenta pò sro poverazzo
    Della mia forma, e modo de parlar,
    11Che in vece de dir Mona hò dito Cazzo.

Che'l varda ben la lengua d'imparar,
    E 'l vederà, che 'l bon Venezianazzo
    Parla cussì, co 'l se vuol ben spiegar.
                    15A farse buzarar

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/251&oldid=60367"