Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/242

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



In dove, che l'hà fatto i gran misfati,
    Che per lù tanti xe deventà mati,
                    78O che i s'hà fatto Frati.

Per la tagia ai captori, o interfettori
    La cassa pagherà dei Fottidori,
                    81E se alcun de Costori

Lo darà alla Giustizia, o 'l mazzerà,
    Oltre la tagia anca i conseguirà
                    84La Ose, e facoltà

De liberar le Donne da preson,
    E goder tutte senza suggizion
                    87De sto Onor buzaron;

Chi ghe darà recapito, o sostegno
    I proverà d'Amor tutto el so sdegno,
                    90E anca bandij dal Regno,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/242&oldid=64442"