Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/230

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLA MEDESIMA


SONETTO


Madama forestiera, se credè
    D'osellar a merlotti in sta Città,
    Scuseme, fìa mia, no l'intendè,
    4Perchè de gonzi no xe bon marcà.

Se per troppo morbin vù desprezzè
    Colane, Ongari, e Bezzi in quantità,
    L'è una pazzìa, ch'in tel mestier, che fè.
    8Xe vizio anca la troppa castità.

Dirìa de vostra Mare, e vostra Nona,
    Cantè pur ariette alla Francese,
    11E lassè, ch'i cogioni ve la sona.

Tutto 'l Mondo, colona, xe paese,
    Anca quà ghè tal razza buzarona,
    14Che fotte in cul le putte, ch'hà 'l Marchese.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/230&oldid=60357"