Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/229

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ALLA MEDESIMA


SONETTO


Che pretension gaveu donca cogiona
    De mostrarve in ancuò tanto garbata,
    Dopo, che zà se sà, che la pignata
    4Granda è più dell'Arena de Verona.

Lassè andar la superbia, e siè più bona,
    No dè in buzare alfin, perchè se trata
    Del vostro pregiudizio, se la mata,
    8Credeme, vù farè co ogni persona.

Ghe vuol maniera dolce, e ve la insegno
    Acciocchè siè da tutti respettada,
    11De no ve tior con tutti certo impegno.

Anzi feve stimar d'ogni portada,
    Adoperè da scaltra el vostro inzegno,
    14Se nò, per Dio, vù vegnirè sfrisada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/229&oldid=60356"