Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/198

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA


SONETTO


Semo pronte a mostrar e Culo, e Mona
    Per far veder el netto a quel, che dise,
    Che impestae semo fin alle raise,
    4E che la carne de vacca è poco bona.

L'è un ruffian, una razza buzarona,
    Se accreditar con questo el vuol le sbrise;
    Quà in piazza se alzeremo le Camise,
    8Acciò fazza esperienza ogni persona.

Forestieri tegnì l'occhio a pennello,
    Sappie, ch'ogni Omo adesso fà 'l bardassa,
    11E che hà'l Culo impestà fin al buello;

Ma per timor, che ne chiavassi massa,
    E che nol buzaressi ben anca ello,
    14Trasportà dalla rabbia in nù'l se lassa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/198&oldid=60340"