Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/197

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO


SONETTO


Via buzarone, cos'è sto bordello?
    Tutta la sera a spassizzar per Senza
    Con abiti vestìe da confidenza
    4Per far tirar tre mìa lontan l'Osello.

Forestieri tegnì l'occhio a pennello,
    No ve lassè ingannar dall'apparenza,
    Perchè carne de vacca de presenza
    8Ve parerà stracullo de Vedello.

Da Marion, Olandese, e Trombettina
    No ve buttè, che no l'è carne bona,
    11Gnanca da Malgherita, e Meneghina,

Zane, Schizza, Todesca, e la Cappona;
    In summa tutte queste, che fà mina,
    14Le xe piene de peste in Culo, e in Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/197&oldid=60339"