Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ESCLAMAZIONI DELL'AUTORE, CHE FOTTE


SONETTO


Me tira el Cazzo, che 'l me và in malora,
    Me pizza la capella, e più no posso,
    L'è duro, come un ferro, come un osso,
    4Adesso el se corrompe, adesso el sbora.

Deh! cara vita mia, cara Signora,
    Leveme vìa sta malatia da dosso,
    Tastè co 'l scotta, vardè co l'è rosso,
    8Palpè, che la lussuria và per sora.

Slarghè le gambe, e quel Monin da latte
    Sporzeme, caro ben, sulla spondetta,
    11Lassè, che metta un deo trà le culatte.

Oh! Mona cara, siestu benedetta,
    Care ste culattine, e chi l'hà fatte,
    14Cara Potta, ben mio, ti xe pur stretta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/19&oldid=70145"