Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/183

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


DOPO 'L RITARDO GHÈ 'L PENTIMENTO


SONETTO


Donne, che co volè farve servir,
    Savè, che ve convien farve chiavar,
    Che i Omeni per gnente no i vol star;
    4Nè senza una rason no i vuol patir;

Co l'è cussì, che quà no ghè da dir,
    Perchè no lo voleu subito far?
    Che buzara xe questa d'aspettar?
    8Vardè, che no v'abbiè pò da pentir;

Che no disè: l'avessio fatto avanti,errata corrige originale
    E pò col differir ve digo questo,
    11Andè a rischio de perder tutti quanti.

Eh vìa, el servizio felo con bon sesto,
    E, se volè aver sempre dei amanti,
    14Feve chiavar, ma feve chiavar presto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/183&oldid=65520"