Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/181

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Qualche ragazzo, o qualche puttella,
    Che co xe granda pò tiol la cappella,
                    33Perchè ella sola è quella,

Che hà sempre conservà, e che mantien
    Tutto el Mondo de zente sempre pien,
                    36Che a nù fà tanto ben;

Però son persuaso solamente,
    Che sia questo un pensar de quella zente,
                    39Che no è bona da gnente,

E de quei, che stravolto gà el cervelo,
    E crede de parlar solo per zelo;
                    42Mi certo col mio Oselo

Voi chiavar zorno, e notte qualche Dona,
    E cazzarghelo tutto drento in Mona,
                    45E goder sta matrona,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/181&oldid=64412"