Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/151

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Me sento, che l'Osello me và in pezzi,
    Tanto so' innamorà dei vostri vezzi;
                18Ma vardè, che strambezzi,

Che mai ve se ficcadi in te la Testa,
    Cogiona, de voler viver onesta.
                21Oh! che buzara è questa!

Mi v'hò pur dita zà l'usanza antiga,
    Che sempre per chiavar xe stà la Figa,
                24Ma donca, cara amiga,

Quando ve prega un povero cristian
    Dovaressi slongar la vostra man
                27Fatta de marzapan,

E sentir cosa xe carne de Oselo,
    Che veramente l'è un boccon del Cielo:
                30Anema mia, credelo,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/151&oldid=64405"