Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/148

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PARALELLO TRÀ DIOGENE, E L'AUTORE


SONETTO


Me par, che un altro Diogene sarìa,
    S'ascoltasse la propria inclinazion,
    Me lasserìa vegnir un gran barbon,
    4Nè mai le man, o i pìe me laverìa.

De Camisa mai me mudarìa,
    Nè de scarpe, de calze, o de bragon;
    Lesso, rosto, stuffà, trippe, boldon
    8Tutto quanto in t'un piatto magnerìa.

A tutto mi sarave indifferente;
    Tanto a una vesta bona, che a una rotta;
    11E lontan mi starave dalla zente.

Diogene stava sempre in t'una Botta,
    Solo in questo da lù son differente,
    14Perchè mi starìa sempre in t'una Potta.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/148&oldid=60297"