Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/127

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


NO SE SÀ DOVE ANDAR


SONETTO


No se sà dove ancuò più praticar,
    Se se và in t'un Caffè se trova zente,
    O visdecazzi, che no intende gnente,
    4O Cogioni, che vuol sempre parlar.

Se se tiol la Regina a spalleggiar
    Salta fuora un Prussian cussì insolente;
    Che chi no fusse savio, e anca prudente,
    8Per Dìo, se cattarave da criar.

Se ben volessi dir dei Gesuiti,
    Subito ve vien fatta opposizion,
    11Che i xe avari, impostori, e sodomiti;

Se de Dame se và in conversazion,
    Che fazza voggia ai Omeni puliti,
    14Se trova quello, che ve fà el muson.

                    Che viver buzaron!
In summa mi no gò cosa più bona
    17De quando, che son drento della Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/127&oldid=60280"